Falsa autocertificazione Ticket

Avv. Rossella D'Onofrio,  
2015-06-15 12:50:03

La fattispecie oggetto di parere riguarda il delitto di falsa autocertificazione al fine di fruire di prestazioni mediche in regime di esecuzione contributiva. Nel caso in esame occorre chiedersi quali estremi di illecito integri la condotta di Tizio che attesti falsa,ente di trovarsi nelle condizioni di reddito per fruire delle prestazioni del servizio sanitario pubblico senza il versamento della quota di partecipazione.

In primo luogo, nel caso in cui Tizio abbia assunto la condotta, prevista dal reato di falso ideologico in atto pubblico punito dall'art 483 cp con la pena della reclusione fino a due anni. Questo delitto rubricato tra i delitti contro la fede pubblica, punisce coloro i quali attestano falsamente al pubblico ufficiale in un atto pubblico fatti dei quali l'atto è destinato a provare la verità.

Il reato si configura ogni qualvolta il privato sia sottoposto all'obbligo di dichiarare il vero da parte di una norma giuridica. Pertanto riguarda le sole attestazioni del privato documentate dal pubblico ufficiale.

La condotta di Tizio deve essere valutata ai sensi del D. lgs 445/2000 ossia "Dichiarazioni sostitutive di certificazioni" in cui l'interessato redige e sottoscrive nel proprio interesse su stati, fatti o qualità personali che utilizza nei rapporti con la P.A. Il ricorso all'aiuto certificazione è rimesso alla discrezionalità del privato. Il delitti di falsità ideologica, è costituito dalla consapevolezza di agire contro il dovere giuridico di dichiarare il vero, pertanto é rilevabile il dolo, esculso solo in scaso di leggerezza o di negligenza.

Tale consapevolezza, nel caso di specie, è aggravata dalla circostanza di cui all'art 61 co 1 n 2cp diretta al fine ultimo di conseguire un profitto, essendo lo stesso preordinato.

Per cui la natura soggettiva dell'aggravante in oggetto, mira a punire la pericolosità maggiore che l'imputato ha posto in essere. Si tratta altresì di un reato di pura condotta che si concretizza nel momento in cui il pubblico ufficiale trasfonde la dichiarazione infedele nell atto pubblico.

Nel caso di specie Tizio ha tenuto un ingiusto profitto di euro 500,00 a danno Dell ente pubblico mediante erronea attribuzione del diritto di fruizione delle prestazioni mediche a seguito di falsa autocertificazione.

Occorre all'aria chiedersi se della condotta di Tizio in relazione alla rappresentazione artificiosa delle circostanze, possa essere qualificata in termini di truffa.

L art. 640 co2 n1 cp punisce chiunque, inducendo taluno in errore, procura per sè o ad altri un ingiusto profitto con l altrui danno punibile fino a cinque anni di reclusione se il fatto è commesso a danno dello Stato o altro ente.

Mentre il requisito del profitto ingiusto può comprendere l'utilità in diverse forme, anche non strettamente patrimoniali, il anno deve avere necessariamente contenuto patrimoniale ed economico creando così una concreta lesione.

Oltre ad essere un reato di danno, la truffa è un reato istantaneo che si perfeziona nel momento in cui al conseguimento dell'ingiusto profitto si sia correlato un danno alla persona offesa.

In relazione al caso di specie la condotta di Tizio, non integra gli stremi della truffa aggravata, atteso che non si puo ricondurre alla susstistenza di artifici e raggiri idonei a trarre in errore la vittima. Orbene, occorre dare natura giuridica alla condotta di Tizia ai fini di una corretta qualificazione giuridica del fatto criminoso. L'ipotesi di utilizzo di dichiarazioni attestanti cose non vere in virtù della distribuzione delle risorse economiche , puo essere ricondotta nella fattispecie criminosa ex art. 316 ter cp.

Questa materia è stata oggetto di un contrasto giurisprudenziale. Secondo un primo orientamento non era configurabile il reato di indebita percezione di erogazione a danno dello Stato o altro ente essendo le false attestazioni del privato connotate da una artificiosa rappresentazione delle circostanze di fatto, facendo pertanto rientrare la fattispecie nell ambito applicativo ai sensi dell'art 640 co2 n1 cp.

Ció in contrapposizione ad un altro orientamento maggioritario, invece, che configurava il reato ai sensi del 316ter cp in relazione all elemento di discrimine con l'art 640 cp rappresentato dalla mess ani atto di artifici e raggiri, in mancanza dei quali poteva trovare applicaste il reato di indebita percezne.

Si è altresì chiarito che l'esecuzione in esame rientra nel concetto di "erogazione" non essendo qualificati come tali le sole elargimmo di somme da parte degli enti, bensì anche il riconoscimento di esenzioni di pagamento di somme dovute, traendo in questi casi, da parte del richiedente un ingiusto profitto.

Sul contrasto sono intervenute le S.U. che, in adesso all orientamento maggioritario,hanno affermato che integra il reato di indebita percezione ai danni dello Stato la condotta di Tizio. inoltre è stato dichiarato l'assorbimento della fattispecie di cui all'art 483 cp in quello Dell art 316 ter cp, fissando un limite di non punibilità penale, bensì di sola sanzione amministrativa pari a 3.999,00 euro.

Nel caso di specie, pertanto, l’ente erogatore non è indotto in errore, giacche in realtà si rappresenta correttamente solo l'esistenza della formale attestazione del richiedente.

Si conclude pertanto facendo rientrare l'insussistenza dell'induzione in errore nell'art 316 ter cp, avendo Tizio firmato un prestampato relativo ai requisiti reddituali per poter godere della prestazione in una condizione di esonero, senza aver allegato alcun documento con carattere infedele.

 

Pertanto, è possibile affermare in relazione al caso in oggetto e in adesione al recente indirizzo delle S.U. che la condotta di Tizio è qualificabile ai sensi dell'art 316ter cp in virtù dell'assorbimento del reato di falso e di truffa, con la conseguenza che il fatto non costituisce reato con avendo superato la soglia di punibilità del valore di 3,999,96 euro prevista dal secondo comma Dell.art 316 ter cp.





Comments

Luoghi

Avv. Manuela D'Elia
VIA CAVALLOTTI 11 73100 LECCE (LE)
Avv. Luisa Carpentieri
Via Braccio Martello n.2, Lecce
Avv. Alessandro Calò
Via M. Schipa, 8 Lecce
Corte di Assise di Appello di LECCE
Viale Michele De Pietro (cancelleria), 73100, LECCE
Giudice di Pace di LECCE
Via Brenta, Pal. Guagnano II°, 73100, LECCE

Eventi

Privacy per HR Manager tra vecchio e nuovo regolamento

21-02-2018 14:30      21-02-2018 18:30
Via San Barnaba, 29 Milano

 Mercoledì 21 febbraio 2018 - dalle ore 14:30 alle ore 18:30  Palazzina ANMIG, Salone Valente - Via San Barnaba, 29...
Leggi tutto >

Le nuove frontiere del Diritto: dalle criptovalute al blockchain

20-03-2018 14:00      20-03-2018 18:30
Via Freguglia, 1 Milano

Aula Magna, Palazzo di Giustizia Milano Milano, 20 marzo 2018 Seminario organizzato dalla Sezione Milanese dell’UIA 14:0...
Leggi tutto >

Blog

Informativa cookie

Riferimenti normativi: Provvedimento Garante della Privacy n. 229/2014 "Cookie law" - individuazione delle modalità semp...
Leggi tutto >

Split payment avvocati, dicitura in fattura esempio

split-payment-professionisti

Parliamo di split payment per i professionisti. Lo split payment consiste nel versamento dell'Iva da parte della Pubblic...
Leggi tutto >

Una vita di impegno civile e sociale

COPERTINA_Libro

Disponibile in versione PDF il libro dedicato all’avv. De Pietro e alla sua consorte, voluto e curato dall’Ordine degl...
Leggi tutto >

Convenzione RC Polizza Professionale

img_rc

Soccorso Legale ha sottoscritto una convenzione con RC Polizza per offrire ai suoi soci la miglior proposta disponibile ...
Leggi tutto >

Lavoro e maternità in arrivo

immagine articolo

Un numero sempre crescente di donne opta per la maternità e per la carriera. La disponibilità di una buona assistenza al...
Leggi tutto >

Teniamoci in contatto
Contattaci

A.P.S. Soccorso Legale
C.F.: 90226320738
email: info@soccorsolegale.it

Sede legale: via Mottola 1/b
74015 – Martina Franca – TA
Sede operativa: via Marco Basseo
73100 – Lecce – LE

Puoi seguirci su

Slideshare: /soccorsolegale
Facebook: /soccorsolegale
Linkedin: Soccorso Legale
Skype: soccorsolegale
Twitter: @soccorsolegale
hashtag: #soccorsolegale

loghi_principiAttivi

Back to top
feed RSS

© 2016 Soccorso Legale

Idee per vacanza: eventi, musei, hotel, meteo e tanto divertimento